Festival d'Europa 2022

Prende avvio il 5 maggio con oltre 40 eventi in programma

Una settimana di incontri, condivisione e riflessione sull'Europa. Questa è l'edizione del Festival d'Europa 2022, progetto cofinanziato dal Parlamento Europeo, nell’ambito delle azioni rivolte al coinvolgimento dei cittadini dell’UE.

L’apertura del Festival idealmente dedicato a David Sassoli che così tanto ha dato per le istituzioni comunitarie, si terrà nel Salone dei Cinquecento di  Palazzo Vecchio, il 5 maggio alle 18.30.  Moderato dalla direttrice del Tg1 Rai Monica Maggioni, fra gli ospiti sarà presente anche Josep Borrell, Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza.

Tra gli eventi principali spicca The State of the Union, in programma il 5 e 6 maggio tra Palazzo Vecchio e la Badia Fiesolana  a cura dell’Istituto universitario europeo.

The State of the Union in streaming

8.00 – 13.30

15.00 – 18.30

Il 6 maggio all’ex Tribunale di San Firenze si svolgerà l’evento (chiuso al pubblico) Cities as recovery engines for the Next generation EU al quale parteciperanno anche la Commissaria europea per la coesione e le riforme Elisa Ferreira e la ministra per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna, in collaborazione con la rete delle città europee Eurocities e l’Agenzia per la coesione territoriale. Sarà presente una delegazione di sindaci ucraini.

Il 6 maggio, dalle 10 alle 14 al Mad Murate art district, si svolgerà l’evento di presentazione del Nuovo Bauhaus europeo a cura dello Sportello Europe Direct in collaborazione con la Scuola di architettura dell’Università di Firenze; dal pomeriggio a notte, inoltre, le Murate ospitano la Notte Blu con installazioni e performance artistiche.
Sempre il 6 maggio, dalle 17 presso l’Orto botanico del Sistema Museale dell’Ateneo (via Micheli, 3),  è previsto il seminario "Belle da morire. Unveiling, svelare «il bello» della scienza", dedicato al ruolo della bellezza nelle strategie di conservazione delle specie di farfalle europee a rischio di estinzione, con i ricercatori Unifi Mariagrazia Portera e Leonardo Dapporto.

Il 7 maggio, su iniziativa del Teatro della Toscana e del Théâtre de la Ville di Parigi, si svolgerà nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio dalle 10 alle 13 “Costruire il Teatro del 21° secolo”: dodici fra i maggiori teatri europei riuniti intorno al progetto della Carta 18/XXI per una nuova alleanza sul futuro del teatro, con un focus speciale sul Programma Cultura di Europa Creativa della Commissione europea. Dalle 11 alle 17.30 sedici artisti della Troupe de l’Imaginaire coordinati dal Théâtre de la Ville di Parigi offriranno consulenze poetiche, musicali e di danza in italiano, greco, estone, spagnolo, inglese, francese, portoghese e ucraino. Le “Consultazioni Poetiche” saranno dalle 11 alle 13 sull’Arengario di Palazzo Vecchio e presso lo stand Indire Erasmus in Piazza della Repubblica, dalle 15 alle 17.30 presso il cortile del Museo Novecento, con performance finale alle 18.30. Per l’occasione, il Museo sarà aperto gratuitamente tutto il giorno.

L’8 maggio in piazza della Repubblica presso lo Spazio Erasmus alle 15.30 Giochi senza frontiere  con attività e giochi sull’Europa per bambini e ragazzi.

Il 9 maggio alle 10 a Palazzo Vecchio si svolgerà l’evento di celebrazione dei 35 anni di Erasmus e in serata dalle 16.30 il Salone dei Cinquecento ospiterà l’evento finale di Eu Talks, colloqui sul futuro dell’Europa e l’Anno europeo dei giovani 2022 con Università e Istituto universitario europeo. 
Sempre il 9 maggio al teatro Niccolini la Regione Toscana presenta l’iniziativa ‘Siete presente. Giovani protagonisti del cambiamento' nell’ambito del progetto Giovanisì. Saranno presenti anche la ministra per le politiche giovanili Fabiana Dadone e lo scrittore e narratore Stefano Massini.

Ancora il 9 maggio, alle 10.30, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Siena, la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, la Rappresentanza in Italia della Commissione europea e lo Europe Direct Università degli Studi di Siena organizzano la masterclass Cosa vuol dire essere europei?, che sarà trasmessa anche in diretta streaming. 

Il 10 maggio al teatro Verdi Orchestra Erasmus in concerto per i 35 anni del programma, con 50 giovani musicisti provenienti da conservatori e istituti musicali italiani, in Erasmus in Italia o con un’esperienza Erasmus già fatta o in itinere.

Ancora il 10 maggio, alle 10 a Villa Ruspoli (piazza Indipendenza, 9), si svolgerà “La conferenza sul futuro dell’Europa”, organizzata dall'Università di Firenze in collaborazione con l'Associazione italiana studiosi di diritto dell’Unione europea. All'incontro – visibile anche online – si parlerà dei valori dell’Unione e della protezione della salute e dell'ambiente.

È possibile partecipare all'indagine conoscitiva  in forma anonima sulla conoscenza dell'Europa, i finanziamenti, i progetti, compilando il form (link in calce)

Per tutta la durata del Festival le porte storiche e i principali monumenti della città saranno illuminati di blu, colore dell’Europa.

Nei giorni del Festival in piazza della Repubblica ci sarà lo Spazio Erasmus, stand permanente su Erasmus + e Indire con info point, workshops, incontri e performance (inaugurazione 6 maggio ore 12 con la Torta Erasmus per i 35 anni del progetto). Quest’anno lo Spazio Erasmus vedrà la partecipazione della Rappresentanza in Italia della Commissione europea con sessioni informative sulla Programmazione 2021-2027, cybersecurity e intelligenza artificiale.  
A Palazzo Vecchio (Sala d’Arme) aprirà Agorà Europa, spazio per conoscere i principali progetti in corso finanziati dall’Ue a Firenze.

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Notizie correlate

Scroll to top of the page