19 maggio, una giornata di esercitazione della Protezione Civile

Servirà a predisporre e praticare azioni adeguate in caso di emergenze legate ai torrenti Ema e Greve

Sabato 19 maggio nella parte sud del territorio comunale (Quartiere 3) si svolgerà un’importante esercitazione di protezione civile che avrà bisogno della collaborazione attiva dei cittadini residenti.

Quel giorno verrà simulata un’emergenza legata ai torrenti Ema e Greve e non per caso perché proprio queste zone hanno vissuto in passato gravi eventi alluvionali che hanno comportato seri danni a seminterrati, cantine, garage ed esercizi commerciali.

L’Ema e la Greve rappresentano una risorsa fondamentale del tessuto urbano fiorentino ma restano pur sempre corsi d’acqua soggetti a repentini innalzamenti di livello, a maggior ragione oggi che siamo alle prese con i devastanti fenomeni meteo causati dal cambiamento climatico. Ce lo conferma purtroppo la fresca cronaca di questi giorni: l’8 maggio scorso un minuscolo rio, tributario del bacino dell’Ema, si è repentinamente ingrossato in pochi minuti invadendo il centro abitato di San Polo in Chianti.  

L’esercitazione servirà a praticare comportamenti adeguati per rispondere ad una possibile situazione di criticità.

Il programma comprende tutte le fasi di un’emergenza idraulica (innalzamento livelli fiume, esondazione, e rientro delle acque) che per esigenze organizzative saranno condensate in tempi ridotti (dalle 7.30 alle 13) e praticate lungo l’intero corso dell' Ema e parte della Greve. 
Alle 8 in punto le squadre di volontari saranno alle Cascine del Riccio, intervenendo con sacchi di sabbia per rinforzare l'argine dell'Ema. Alle 9.30, in via Senese,  verrà allestita la cosiddetta 'area di attesa e assistenza' per le persone con problemi sanitari. Alle 10, presso la scuola Vittorino da Feltre a Ponte a Ema, sarà invece attrezzata una struttura di accoglienza con brande, materiali di aiuto e supporto psicologico dove saranno trasferiti con dei pulmini i cittadini arrivati nell’area di attesa. Contemporaneamente sarà simulato un intervento di soccorso sull'Ema: in via Senese, al ponte della Certosa, i vigili del fuoco interverranno per soccorrere due persone bloccate nel fiume. Alle 10.45, in via Volterrana, presso il ponte sulla Greve  sarà simulato un altro intervento di soccorso. Alle 12, infine, è previsto l'intervento con le idrovore in viale Tanini per la vuotatura di scantinati e garage. 
Alle attività parteciperanno vigili del fuoco, personale del 118, della Città Metropolitana ma sono coinvolte anche Regione Toscana, dipartimento della protezione civile nazionale, oltre alla   polizia municipale e alla direzione mobilità. Insieme a loro più di 200 volontari delle associazioni convenzionate con la protezione civile comunale.
Dalle 7 sarà allestito un 'Campus' al Circolo Everest, al Galuzzo, dove sarà possibile visitare stand informativi e osservare le attività di coordinamento dell’esercitazione. Inoltre in piazza Acciaioli sarà montato un maxischermo dove verranno trasmesse le immagini in diretta con il commento di tutti i momenti salienti dell'esercitazione.

E’ del tutto evidente che il successo di questo tipo di operazioni dipende dalla piena collaborazione e integrazione di tutti i soggetti coinvolti, in una logica di suddivisione e articolazione delle responsabilità e della mobilitazione operativa che costituisce il presupposto indispensabile di qualsiasi strategia di protezione civile.

Pertanto l’invito, rivolto a tutti, è quello di collaborare attivamente, sia assumendo la propria parte di partecipazione responsabile che attraverso la comprensione e la pazienza verso gli eventuali disagi che la manifestazione dovesse comportare.

Per info e segnalazioni  055.7890  protezionecivile@comune.fi.it

http://protezionecivile.comune.fi.it/   http://www.facebook.com/ProtCivComuneFi

 

 

La mappa dei luoghi toccati dall'esercitazione

19 maggio, una giornata di esercitazione della Protezione Civile

Scroll to top of the page