Giornata mondiale bambine e ragazze, Funaro: “Vogliamo sensibilizzare sulle difficili condizioni in cui nascono e sono costrette a crescere nei Paesi più poveri”

Lo striscione della campagna ‘indifesa’ della ong Terre des Hommes esposto sulla sede dell’assessorato alle Pari opportunità

Anche quest’anno il Comune di Firenze aderisce alla campagna di sensibilizzazione per la promozione e protezione dei diritti delle bambine e delle ragazze dal titolo ‘indifesa’, organizzata dalla ong Terre des Hommes in occasione della VII Giornata mondiale delle bambine e delle ragazze, che si celebra oggi in tutto il mondo. Lo fa esponendo uno striscione arancione, colore scelto dalla ong e dalle nazioni Unite per dire no alla violenza di genere, con la scritta ‘11 ottobre - Giornata mondiale delle bambine e delle ragazze’, che è esposto per tutta la giornata di oggi su Palazzo Canacci, sede dell’assessorato alle Pari opportunità.

“Firenze si schiera contro la violenza su bambine, ragazze e donne - ha detto l’assessore Funaro -. Con questa iniziativa vogliamo sensibilizzare i cittadini sulle condizioni, spesso molto difficili, in cui nascono e sono costrette a crescere le bambine e le ragazze nei Paesi più poveri della terra”. “La nostra amministrazione è fortemente impegnata nella tutela dei diritti delle donne di tutte le età e nella diffusione di una cultura del rispetto - ha continuato Funaro - come dimostrano i tanti progetti che abbiamo realizzato come ad esempio ‘Minor Net - Reti di sostegno ai minori stranieri non accompagnati portatori di fragilità’, che prevede la presenza in città di un appartamento protetto dove le minorenni straniere sole, che subiscono violenza, possono risiedere in sicurezza e sotto lo sguardo attento di operatori specializzati presenti al loro fianco 24 ore su 24”.

“La giornata internazionale dedicata alle bambine e alle ragazze ci invita a continuare a lavorare - ha sottolineato la presidente della Commissione Pari opportunità Serena Perini - sulla necessità di raggiungere la parità di genere attraverso l’emancipazione delle donne e delle ragazze. Vorrei porre l’attenzione sul fenomeno delle spose bambine: una piaga profonda, radicata, diffusa in molti Paesi del mondo. Bambine strappate alla loro infanzia, costrette a diventare donne e madri in modo precoce e brutale, contro la loro volontà. Credo che in occasione di una giornata internazionale così importante - ha aggiunto la presidente Perini - si debba riflettere su come estirpare questa cultura fortemente maschilista che discrimina bambine e ragazze; derubate del loro diritto a crescere in tranquillità, a vivere la loro adolescenza, a giocare, andare a scuola e ricevere un’istruzione, a scegliere la loro strada in autonomia”.

L’obiettivo della Giornata mondiale delle bambine e delle ragazze è stimolare la diffusione di una cultura del rispetto e della prevenzione della violenza e della discriminazione di genere e con questa iniziativa Terre des Hommes intende rilanciare il Manifesto ‘indifesa’ per coinvolgere attivamente i Comuni italiani nella diffusione di una cultura del rispetto e della prevenzione della violenza e delle discriminazioni di genere. Terre des hommes è e membro della coalizione internazionale Girls not brides (bambine, non spose) e dell’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (ASviS) organizzazione leader in Italia nella promozione e protezione dei diritti e delle ragazze.

Gli hashtag ufficiali della campagna sono #OrangeRevolution e #indifesa. (fp)

 

Giornata mondiale bambine e ragazze, Funaro: “Vogliamo sensibilizzare sulle difficili condizioni in cui nascono e sono costrette a crescere nei Paesi più poveri”

Scroll to top of the page