Sblocco urbanistica, Pampaloni: “Finalmente risolto stato di incertezza. Variante torna vigente, prosegue confronto strutturato tra amministrazione e tutti i soggetti coinvolti per sviluppo sostenibile”

Question time del presidente commissione Urbanistica

“La recente sentenza del TAR sul ricorso dell’Associazione Italia Nostra contro il Comune di Firenze ha finalmente risolto lo stato di incertezza giuridica sulla legittimità degli interventi edilizi che tanti e gravi disagi aveva creato a tutti quei cittadini che avevano iniziato un’attività edilizia, attingendo anche all'accensione di appositi finanziamenti, ai professionisti incaricati e alle ditte edili esecutrici dei lavori. La sospensione di tali lavori imposta dal Comune si è interrotta e la variante in questo modo è tornata vigente, ce lo ha confermato oggi l’assessore Del Re. Tutte le informazioni sono già disponibili sul sito del Comune ma comunque gli uffici contatteranno i richiedenti che hanno pratiche in sospeso”. Così Renzo Pampaloni, presidente commissione Urbanistica a Palazzo Vecchio, che ha presentato un question time all’assessore Del Re dal titolo “Sentenza del TAR che sblocca gli interventi edilizi sul patrimonio esistente nel centro storico”.
“L’assessore nella seduta del Consiglio ha giustamente evidenziato come la sentenza ha dato ragione all’operato dell’amministrazione comunale ritenendo legittima la variante e riconoscendo la sua capacità di tutelare il patrimonio edilizio anche in un luogo delicato come il centro storico”, prosegue Pampaloni. “Il tema dello sviluppo sostenibile è di fatto uno delle principali sfide che ci attendono e che non possiamo eludere. - conclude Pampaloni - Questa sfida richiede la necessità di coinvolgere nella trasformazione della Città tutti i soggetti interessati, come avverrà nel prossimo è imminente percorso partecipato che porterà al nuovo piano operativo”.

 

(sa. ca.)

 

Sblocco urbanistica, Pampaloni: “Finalmente risolto stato di incertezza. Variante torna vigente, prosegue confronto strutturato tra amministrazione e tutti i soggetti coinvolti per sviluppo sostenibile”

Scroll to top of the page