Librerie di Firenze

 

Sono oltre settanta le librerie che si trovano nel territorio comunale di Firenze.  L’offerta è molto vasta. Vi  sono le librerie indipendenti, le librerie antiquarie, le librerie che promuovono libri stranieri, le piccole librerie specializzate e le librerie collegate a grandi gruppi.

Un panorama davvero ricco. Si tratta certo di attività commerciali che rappresentano un pezzo dell’economia e del lavoro di Firenze. Ma sono molto di più. Sono infatti preziosissimi e insostituibili presidi culturali, centri di aggregazione territoriali, luoghi di incontro,conoscenza e scambio.

Per questo motivo, in un momento davvero complesso per ciò che abbiamo vissuto negli ultimi 2 anni e per l’attuale situazione globale, la Città di Firenze ha deciso di supportare le librerie, promuovendole in maniera più capillare. Un’azione che affianca la linea di contributi che ha visto il cofinanziamento  del progetto  Firenze Books 2021” promosso da Confartigianato Firenze. E il pacchetto di misure studiate per sostenere e rilanciare le librerie del nostro territorio.

La brochure che pubblichiamo è una riedizione aggiornata del lavoro promosso dall’Amministrazione Comunale nel 2018. Le librerie vengono presentate suddivise per quartiere per praticità di consultazione, ma anche per mettere in risalto come, anche fuori dal centro storico, i presidi culturali non manchino affatto.

Nel panorama delle librerie fiorentine troverete evidenziate quali risultano essere “indipendenti”, realtà cioè che non sono legate contrattualmente ad editori e distributori e che non possiedono libri in conto deposito, ma investono direttamente nell’acquisizione dei singoli titoli.

Questo libretto è quindi un invito ad andare a esplorare questi spazi, che riserveranno ai visitatori un’esperienza unica e molte sorprese: fare il libraio è un gran bel mestiere e chiunque di noi può andare a verificarlo di persona.

 

Federico Gianassi

Assessore Bilancio, partecipate, 

Commercio, attività produttive, rapporti con il Consiglio 

Comunale, rapporti con la Regione Toscana

Scroll to top of the page