Fondo per la rinascita di Firenze

Firenze ha bisogno del mondo perché il mondo ha ancora bisogno di Firenze

Firenze sembra risvegliata dal sonno della pandemia da Covid-19 come un bellissimo animale dopo un evento che ha visto il mondo cambiare intorno alla città e ai suoi abitanti.
La vita sta cercando di riprendere il suo corso e lo fa animata da tensioni opposte: ritornare a prima del virus ma anche cambiare tutte le realtà delle quali questa crisi ci ha mostrato i limiti. La pandemia ha causato infatti una crisi socio-economica molto profonda che continua a produrre i suoi effetti in Italia e a Firenze.
Le settimane alle nostre spalle e quelle che abbiamo davanti sono le più dure e inedite mai vissute perché l’epidemia sanitaria si sta trasformando in un’epidemia sociale, economica e lavorativa.
E’ come se oggi Firenze vivesse una seconda alluvione, quella del 1966. Oggi come allora si contano le aziende chiuse, le fabbriche in crisi, i negozi con i bandoni abbassati, i disoccupati, i morti. Oggi, come allora, i riflettori delle tv e dei giornali di tutto il mondo si sono accesi sulla nostra città per raccontare l’angoscia, la rabbia, la disperazione di una città, patrimonio dell’umanità. Allora il nemico era visibile: l’acqua fangosa e la furia del fiume. Oggi il nemico è più subdolo e pericoloso: è un virus di cui non abbiamo ancora il vaccino e la cui evoluzione non è ancora certa.
Stiamo lavorando perché Firenze possa tornare a rivivere con la consapevolezza che il suo vero talento è quello di essere sempre stata una città contemporanea e resiliente, capace di nascere di nuovo dalle macerie delle sue difficoltà, mettendo a frutto il suo essere destinataria di un amore universale e sconfinato. E’sempre stato così e così sarà anche questa volta.

Oggi, come allora, qualcuno parla di una città caduta in una decadenza; il Sindaco dell’alluvione, Piero Bargellini disse dopo il terribile evento “la decadenza di Firenze stava diventando il tema caro specialmente ai decadenti, a coloro cioè che rimpiangono sempre le cose passate e, simili a presbiti, non scorgono le cose presenti. Perciò quando il 4 novembre 1966 l’Arno la invase formando un lago lungo 15 chilometri, largo 5 e profondo quasi 9 metri, si credette che i suoi 500 mila metri cubi di fango dovessero formare la coltre funebre della città morta. Firenze, invece non era morta ma soltanto tramortita. Risorse, per virtù dei suoi cittadini […] e per generosità di tutto il mondo che accorse in suo aiuto”.

Per questo abbiamo bisogno nuovamente di rivolgerci al mondo intero: Firenze ha bisogno del mondo perché il mondo ha ancora bisogno di Firenze.

Abbiamo bisogno di tutti, abbiamo bisogno di te!

FONDO PER LA RINASCITA DI FIRENZE
Dona ora per la Rinascita di Firenze!
IBAN: IT75I0306902887100000300015
Causale: Fondo per la Rinascita

Notizie correlate

Scroll to top of the page