comune di firenze
English Version
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su Instagram Seguici su YouTube
Percorso: Home > Comune di Firenze > 20 giugno, Giornata Mondiale del Rifugiato
testo piccolo testo medio testo grande Stampa la pagina RSS Condividi su Twitter Condividi su Facebook

20 giugno, Giornata Mondiale del Rifugiato

A partire da stasera illuminazione della facciata di Palazzo Vecchio

20 giugno, Giornata Mondiale del Rifugiato



Un dramma che coinvolge decine di milioni di persone

In un mondo agitato da conflitti devastanti che continuano a provocare ondate bibliche di profughi l’appuntamento annuale con la Giornata Mondiale del Rifugiato, in programma il 20 giugno per iniziativa delle Nazioni Unite, non suona certo rituale o retorico.
La Giornata si celebra in tutto il mondo per commemorare l’approvazione nel 1951 della Convenzione sui profughi (Convention Relating to the Status of Refugees) da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.
Il tema della Giornata mondiale è ‘Con i rifugiati’ (#WithRefugees), messaggio con il quale l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) intende incoraggiare la solidarietà verso le persone rifugiate attraverso una campagna globale di sensibilizzazione delle comunità di accoglienza portando all’attenzione collettiva la condizione di oltre 65 milioni di rifugiati e richiedenti asilo.

Illuminazione della facciata di Palazzo Vecchio

Firenze si schiera con UNHCR  proiettando sulla facciata di Palazzo Vecchio, la notte tra il 19 e il 20 giugno, il logo dell’Agenzia Onu per i rifugiati e lo slogan #WithRefugees. L'installazione sarà realizzata a cura della Silfi a partire dalle 21.15.

Alle Oblate un libro sull’epidemia Ebola

Martedí 20 giugno, ore 18, all’Altana della biblioteca delle Oblate viene presentato il libro ‘Intoccabili. Un medico italiano nella più grande epidemia di Ebola della storia' (edito da Marsilio in collaborazione con Medici senza frontiere) di Valerio La Martire. Interviene l’antropologa Maria Cristina Manca, operatrice umanitaria di Medici senza frontiere durante l’emergenza Ebola. Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.

Una sfida che chiama in causa tutti noi

La Giornata del Rifugiato rappresenta  un’occasione importante per rispondere positivamente alle sollecitazioni di una condizione che coinvolge un numero sempre maggiore di persone. Una realtà che spesso viene presentata come un dato di fatto ineluttabile, come se dietro questa tragedia non vi fossero processi storici che spesso vedono nell’Occidente un protagonista tutt’altro che innocente, per non parlare del sistematico silenzio attorno alle motivazioni economiche, politiche e ambientali che alimentano  incessantemente la pressione migratoria verso le nostre frontiere.
Per noi italiani la Giornata del Rifugiato cade ogni volta che una carretta del mare si inabissa davanti alle nostre coste, ogni volta che un sogno di fuga dalla guerra e dalla violenza si conclude tragicamente sulla soglia di casa nostra.
In un contesto del genere questo evento aiuta a sottrarre una materia così incandescente alle semplificazioni e alla suggestione emotiva da cui trae alimento anche nella nostra Europa buona parte del populismo politico.

Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006

Website Security Test

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Vai al contenuto principale  Percorso di navigazione  Vai al menu di Comune di Firenze  Vai al menu di Area tematica  Piè di pagina

Scorciatoie - Funzionalità

Torna indietro,  Stampa pagina 

Scorciatoie - Pagine principale

Comune di Firenze  Eventi in Città  Servizi e modulistica - Servizi on-line  Mappa del sito