comune di firenze
English Version
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su Instagram Seguici su YouTube
Percorso: Home > Comune di Firenze > Archivio notizie
testo piccolo testo medio testo grande Stampa la pagina RSS Condividi su Twitter Condividi su Facebook

News totale: 326 - Pagina 1 di 22 - 15 risultati per pagina
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Firenze nel cuore dell'Europa

Per tutto il mese di maggio convegni, conferenze, mostre, performance, concerti, spettacoli

Firenze nel cuore dell'Europa




Dal 4 al 31 maggio Firenze si trasformerà in un luogo di incontro e di riflessione sull’Europa e sul suo futuro, con una serie di appuntamenti di grande rilievo.
Il  Festival d’Europa coincide con il sessantesimo anniversario della firma dei Trattati di Roma del 25 marzo 1957 e ricorda la Dichiarazione Schuman del 9 maggio 1950, una delle pietre miliari sulla via della complessa costruzione dell’edificio europeo.  Nell’occasione vengono anche celebrati i 30 anni del Programma Erasmus, che ha permesso a oltre 4 milioni di giovani di formarsi e studiare nelle università europee, dove hanno imparato a conoscersi, rispettarsi e arricchirsi reciprocamente, scoprendo di condividere nel profondo una stessa identità che trascende di gran lunga le frontiere e mette in luce quanto sia arcaica e inadeguata la politica dei muri e delle presunte purezze etniche.

The State of the Union

L’evento di più alto profilo istituzionale è in programma dal 4 al 6 maggio con The State Of The Union, conferenza internazionale per discutere delle caratteristiche della cittadinanza europea. L’Istituto Universitario Europeo, nella sede della Badia Fiesolana, ospiterà le sessioni di giovedì 4 maggio dove interviene anche il Presidente del Senato Pietro Grasso. Venerdì 5 maggio, il Ministro degli Esteri italiano Angelino Alfano aprirà invece la giornata di dibattiti a Palazzo Vecchio mentre  il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni terrà il discorso conclusivo. In quella sede si confronteranno le più alte cariche europee come Jean-Claude Juncker, Presidente della Commissione Europea, Antonio Tajani, Presidente del Parlamento Europeo e Donald Tusk, Presidente del Consiglio Europeo. Inoltre, il Capo Negoziatore della Brexit per la Commissione Europea Michel Barnier parlerà in pubblico per la prima volta dopo l’avvio delle trattative con il governo della Gran Bretagna all’indomani della Brexit. Il 6 maggio, nella sede degli Archivi Storici dell’Unione Europea a Villa Salviati, è in programma un Open Day caratterizzato da workshop, visite guidate e concerti.

La mostra sui 60 anni dell’Europa

Dal 28 aprile al 12 maggio è in programma la mostra Ever closer Union, a cura del Centro di documentazione europea, che ripercorre il lungo cammino di questi 60 anni. Sede: Biblioteca di Scienze sociali dell’Università di Firenze, via delle Pandette 2,. Inaugurazione ufficiale: 3 maggio, ore 9. Orario di apertura al pubblico:  da lunedì a venerdì, ore  8:30-19; sabato 8, 30-13:30.

I 30 anni del programma Erasmus

Il 9 maggio è in programma in Palazzo Vecchio un evento celebrativo dei 30 anni del progetto Erasmus. La prima parte della mattinata prevede la consegna della Carta della generazione Erasmus, un documento politico-culturale elaborato dai 200 studenti che hanno partecipato in febbraio agli Stati Generali della Generazione Erasmus. La Carta è il risultato di un dibattito che si è sviluppato nei mesi scorsi su una piattaforma online.
A partire dalle ore 10 si terrà sul tema una tavola rotonda con la partecipazione di rappresentanti istituzionali italiani e europei. In programma anche l’esibizione dell’Orchestra Erasmus, composta da 40 studenti provenienti da tutti i conservatori italiani. La conferenza sarà trasmessa in diretta streaming. Per maggiori informazioni visitare: http://festivaleuropa.erasmusplus.it/
Le celebrazioni per i 30 anni di Erasmus avranno inizio il 7 maggio, ore 18, in piazza Santissima Annunziata, con un concerto dell’Orchestra Erasmus che, insieme all’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino, suonerà in ricordo delle giovani studentesse decedute  nel tragico incidente stradale di Freginals, in Spagna.
Il 9 maggio sempre in Piazza SS. Annunziata, a partire dalle 17,30 scatterà un evento a sorpresa, a cura delle Agenzie Erasmus, con la partecipazione di studenti, insegnanti, associazioni e persone che hanno vissuto un’esperienza Erasmus. Per l’occasione concerto gratuito di Sergio Sylvestre e della band fiorentina Street Clarks.

La ‘Notte Blu’ nel nome di Ernesto Balducci

8-9 maggio, complesso delle Murate. Kermesse di riflessioni sull’Europa, nel nome di Padre Ernesto Balducci, a 25 anni dalla sua scomparsa. A cura della rivista ‘Testimonianze’. Conclusione il 9 maggio, ore 21, con concerto dell’Orchestra Giovanile dell’Accademia Musicale,  diretta da Janet Zadow, e con l’esibizione dei Whisky Trail.

‘Fabbrica Europa’

Dal 4 maggio al 15 giugno si ripropone alla Stazione Leopolda e in altri spazi della città ‘Fabbrica Europa’, un grande laboratorio sul mondo alla ricerca di nuove visioni di futuro.
Il programma della XXIV edizione di Fabbrica Europa presenta alcuni tra i massimi esponenti delle performing arts provenienti da tutta Europa e oltre (Medio Oriente, India, Cina, Mediterraneo)  che daranno la possibilità di immaginare altri mondi possibili.
Per info e programma degli eventi http://fabbricaeuropa.net/festival-fabbrica-europa/


Sounds of Europe

Non poteva mancare il linguaggio universale della musica con la rassegna Sounds of Europe che prevede, tra l’altro, il concerto del quartetto di ottoni Datura Brass che eseguirà musiche di Mascagni, Morricone, Verdi, Gabrieli, Puccini e Banchieri.(18 maggio, ore 21, Caffè Letterario delle Murate). La rassegna si concluderà il 26 maggio, ore 20, con un concerto del giovane talento Gabriele Putzulu che si esibirà con la chitarra spagnola in canzoni di Castelnuovo Tedesco, Moreno Torroba, Turina, De Falla, Ponce & Albeniz (Centro de Lengua Española Firenze, Borgo Ognissanti 9).

Per il programma completo degli eventi
http://www.festivaldeuropa.eu/event/the-eu-and-global-challenges

Restauro in corso per la Colonna della Giustizia

L'intervento è finanziato grazie alla concessione di spazi pubblicitari sulle coperture di cantiere

Restauro in corso per la Colonna della Giustizia


 
La colonna della Giustizia di piazza Santa Trinita è in fase di restauro; il monumento è già stato avvolto da un alto ponteggio e i lavori termineranno in circa 200 giorni. Il progetto di recupero, importo 150 mila euro, sarà realizzato grazie alla concessione di spazi pubblicitari.
La colonna, insieme alla colonna della Pace in piazza San Felice e a quella della Religione in piazza San Marco, fa parte del grandioso processo celebrativo avviato da Cosimo I de' Medici per la nomina a Granduca avvenuta nel 1570. Il monolito, collocato in piazza Santa Trinita davanti alla chiesa omonima, è un dono del 1560 di Papa Pio IV alla casata medicea e proviene dallo spoglio delle Terme di Caracalla. Il colossale fusto, dopo essere stato debitamente imbragato, iniziò il suo viaggio arrivando, attraverso mille peripezie, per via d’acqua sino a Ponte a Signa e poi via terra sino a Firenze, trainato per mezzo di argani piantati nel terreno e azionati da uomini e cavalli che lo facevano avanzare su rulli lignei a loro volta posizionati su travi. A soprintendere il trasporto c'erano Giorgio Vasari e Bartolomeo Ammannati. Di fatto la colonna iniziò a prendere forma definitiva attorno al 1570 quando fu realizzato il rivestimento del dado di base in marmo bianco completato da una bordatura perimetrale in una breccia violacea proveniente dalle cave di Seravezza. La realizzazione della statua, che con la mano destra brandisce una spada sguainata mentre con quella sinistra solleva una bilancia, fu affidata a Francesco del Tadda e a suo figlio Romolo, specialisti nella lavorazione del porfido. La lavorazione fu effettuata su un modello preparato dall’Ammannati. Per il completamento della scultura, costituita da sei pezzi di porfido rosso antico proveniente dai deserti egiziani, assemblati con perni e fasce in rame, servirono circa undici anni di lavoro e, solo dopo la sua collocazione, presumibilmente per equilibrarne le proporzioni, si provvide a dotarla di un mantello in lamiera di rame.
Oggi il monumento presenta  un fusto con marcate esfoliazioni e il mantello manifesta una diffusa ossidazione mentre  i marmi recano tracce di residui metallici.
Dal 2014 la colonna è ‘sorvegliata’ speciale con due sensori installati sulla sommità per verificarne in tempo reale la stabilità.
 
Foto di Andrea Michelangelo Minnella

Un bando per sponsorizzare il verde pubblico

Coinvolti parchi, giardini, aree cani, alberi e isole spartitraffico

Un bando per sponsorizzare il verde pubblico




Via al bando per la ricerca di sponsor per la manutenzione di parchi, giardini, aiuole, rotatorie stradali, parterre alberati, isole spartitraffico, aree giochi, aree cani, impianto e reimpianto di alberi. Sono stati  individuati 12 luoghi della città sui quali si potrà intervenire, ferma restando la facoltà degli sponsor di scegliere in autonomia anche altre aree verdi.
Questi i siti individuati dal bando. Nel Quartiere 1 l'aiuola antistante la stazione ferroviaria  e la rotatoria di Porta Romana. Nel Quartiere 2 le rotatorie al teatro Obihall e in via Aretina Nuova e le isole spartitraffico del Gignoro. Nel Quartiere 3 le aiuole spartitraffico allo svincolo del viadotto Varlungo/viale Europa. Nel Quartiere 4 le rotatorie in via Foggini e in piazza Gaddi. Nel Quartiere 5  l'isola spartitraffico dell'aeroporto e le rotatorie in viale Guidoni e in via del Romito/via Cosseria.
Le sponsorizzazioni possono essere di due tipi:  1) 'tecnica', con assunzione diretta dei lavori;  2) 'finanziaria', con donazione di denaro e predisposizione di uno studio di fattibilità.
Il Comune consentirà ai soggetti individuati come sponsor di promuovere la propria immagine, associando nome/marchio/logo/attività/prodotto all’intervento sponsorizzato, sia sui canali del Comune che sui canali dello sponsor.

Il bando è scaricabile all’indirizzo web  http://www.comune.fi.it/export/sites/retecivica/comune_firenze/bandi/elenco_avvisi.html 

Centri Estivi per ragazzi

Iscrizioni on line dal 3 al 17 maggio. Tutte le informazioni utili.

Centri Estivi per ragazzi

 

Da quest’anno l’iscrizione ai centri estivi per ragazzi potrà essere effettuata esclusivamente on-line. Per poter procedere all’iscrizione è necessario essere in possesso delle credenziali di accesso ai servizi on-line del Comune di Firenze e di un account di posta elettronica.

Le iscrizioni sono aperte dal 3 al 17 maggio.

I centri estivi offrono attività differenziate per età: giochi, narrazioni fantastiche, laboratori manuali ed espressivi, visite a luoghi di interesse, piscine, sport, tornei e molto altro.

La quota di partecipazione comprende anche i pasti.

Per iscrizione con tariffe agevolate occorre disporre di Domanda Unica di Agevolazione Tariffaria con  ISEE di valore inferiore a 32.500,01 rilasciato dopo il 15/01/2017.

 Cosa occorre fare da subito

 Per effettuare l'iscrizione on line è necessario essere in possesso di uno dei seguenti documenti:

 1. Credenziali di accesso ai servizi on-line del Comune di Firenze (username e password).

Chi non le possiede può richiederle presso gli sportelli degli Uffici Relazioni con il Pubblico (URP)  o gli uffici Attività Educative nei Quartieri preferibilmente su appuntamento telefonando al numero corrispondente alla sede territoriale di riferimento.

Quartiere 1/ p.zza S. Croce 1,  055.2767648

Quartiere 2/ p.zza Alberti, 1/a,   055.2767818/27

Quartiere 3/ via Tagliamento 4, 055.2767738

Quartiere 4/ via delle Torri 23, 055.2767124/7136

Quartiere 5/ via Baracca 150/P, 055.2767039

L’attivazione della procedura presuppone la creazione di una casella di posta elettronica (e-mail).

 2. Credenziali del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID).

 3. Carta Nazionale dei Servizi (CNS)  ovvero la tessera sanitaria abilitata.

 Coloro che hanno usufruito di altri servizi on-line (iscrizione dei bambini a asili nido, scuola dell’infanzia comunale e statale, richiesta di certificati anagrafici, etc.) potranno utilizzare le credenziali già in loro possesso.

 Informazioni alla scheda servizio

 

 

I cantieri della linea 3 nel cuore di Rifredi

Il 26 e 27 aprile, ore 10-16, chiusura di via Corridoni nel tratto Dalmazia-Bini

I cantieri della linea 3 nel cuore di Rifredi


Linea 3

Mercoledì 26 aprile sono in programma interventi e modifiche di cantieri per entrambe le linee.
I provvedimenti destinati ad avere un maggior impatto sulla circolazione sono quelli della linea 3, in particolar modo la chiusura di via Corridoni nei giorni di mercoledì 26 e giovedì 27 aprile. Il divieto di transito interesserà il tratto piazza Dalmazia-via Bini, oltre alla corsia di piazza Dalmazia in asse con via Corridoni, e sarà in vigore dalle 10 alle 16. In questa fascia oraria si procederà al getto della sede tranviaria e alla posa dei binari, già in corso in via Vittorio Emanuele II. I veicoli provenienti da via Mariti e diretti verso via Corridoni-Romito utilizzeranno l’itinerario viale Morgagni-via Cesalpino-via Alderotti-via Vittorio Emanuele II-via Bini per rientrare in via Corridoni. I mezzi provenienti da via Reginaldo Giuliani potranno continuare ad usare via di Rifredi e rientrare in via Corridoni da via Bini.
Rimanendo sulla linea 3 sempre giovedì 27 aprile è in programma il ribaltamento del cantiere in via Vittorio Emanuele II nel tratto del Poggetto, ovvero da via Alderotti a via Celso. Dalle 10 quindi scatteranno le modifiche per consentire lo spostamento del cantiere sull’altro lato della strada con divieti di sosta nelle strade coinvolte. Per la viabilità non sono previsti cambiamenti significativi, a parte la possibilità per chi proviene da via Alderotti di svoltare direttamente su via Celso da via Vittorio Emanuele II all’altezza della gelateria.
Giovedì scatterà anche una modifica del cantiere in piazza Stazione: resta la viabilità attuale con la corsia da largo Alinari a piazza Adua direzione Valfonda semplicemente traslata verso l’ex pensilina.

 

Linea 2

Giovedì 27 aprile sarà attivata la nuova fase dei lavori in via di Novoli con il cambio di senso nell’ultimo tratto da via Valdinievole e via Allori verso quest’ultima. Prevista la modifica della rotatoria e dell’area dell’incrocio via Garfagnana-via Allori (con riduzione dell’area di cantiere sul lato di via di Novoli). Contestualmente sarà ripristinato il senso unico in direzione centro città sul controviale Guidoni da via Allori a via Valdievole. Per regolare la circolazione nell’area di intersezione tra via Valdinievole e via Novoli sarà attivato un nuovo impianto semaforico. I provvedimenti scatteranno dalle 9 e sono previsti anche divieti di sosta nelle strade interessate

 

 

Le infografiche


Aprile 2017 - Linea 3

 


Gennaio 2017 - Linea 3

Dicembre 2016 - Linea 3

Settembre 2016 - Linea 3


Luglio 2016 - Linea 2


Giugno 2016 - Linea 3

 

25 aprile, il giorno della Liberazione

72 anni dalla caduta del nazifascismo. Eventi fino al 29 aprile.

25 aprile, il giorno della Liberazione



Le celebrazioni per il 72° anniversario della Liberazione si propongono di alimentare le radici del patto che sta alla base della nostra comunità nazionale e della stessa costituzione repubblicana. La Resistenza e il riscatto dal nazifascismo non potranno mai essere banalizzate o ridotte a mero simulacro retorico, se non si vuole davvero svilire il senso profondo di quella rottura civile e politica che permise la nascita della nostra democrazia.
Ecco gli ultimi eventi in programma.  

 
Omaggio alle tombe dei partigiani al Cimitero di Soffiano
 
26 aprile, ore 10, Cimitero di Soffiano, in occasione della festa della Liberazione la popolazione del Q.4 onora i partigiani e le vittime civili che riposano nel Cimitero di Soffiano.
 
Radiodramma alla Biblioteca delle Oblate

29 aprile, ore 21, Biblioteca Oblate "Firenze 1943/44: voci e suoni della Resistenza"
Radiodramma ideato e scritto da Ornella Grassi, voci recitanti Ornella Grassi, Lorenzo Degl’Innocenti, con la collaborazione degli Archivi RAI e della sede RAI di Firenze. A cura dell'Associazione Culturale Il Colibrì. Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Nella foto, 25 aprile 1945, Sandro Pertini chiama all’insurrezione a nome del Comitato di Liberazione Nazionale (fonte Frontiere News)

In arrivo il tributo di bonifica

A partire dal prossimo giugno 182.000 contribuenti fiorentini riceveranno il bollettino

In arrivo il tributo di bonifica



A partire dal prossimo giugno 182mila contribuenti fiorentini riceveranno il bollettino per il pagamento del contributo di bonifica 2016. Rispetto al passato si paga tutti: fino allo scorso anno nella nostra città lo facevano solo i 31mila abitanti delle zone di Peretola, Brozzi, Novoli, Galluzzo Ugnano e Mantignano.  Le risorse in più raccolte serviranno alle diverse operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria, con controllo e pulizia periodica sul reticolo e sulle opere idrauliche di tutti i corsi d’acqua cittadini.

Di cosa si occupa il Consorzio di Bonifica e come interviene

Firenze è inserita nel Consorzio di Bonifica Medio Valdarno che comprende anche montagne e pianure di Empoli, Prato, Pistoia e la zona a nord di Siena: in tutto 63 Comuni con un reticolo idrografico che ammonta complessivamente a 5613 chilometri tra cui i bacini dell’Ema, Mugnone, Terzolle, Greve, Pesa, Vingone, Elsa, Ombrone e Bisenzio. Sui fiumi e torrenti che interessano Firenze gli investimenti del Consorzio sono stati pari a quasi 5milioni e 900mila euro per il 2016 e toccheranno quest’anno una cifra di quasi 6milioni e 200mila euro.
I Consorzi di Bonifica sono regolati da leggi nazionali e regionali (in Toscana è la LR 79/2012 che ha riformato il settore) e rappresentano un unicum nel panorama istituzionale italiano: sono infatti persone giuridiche pubbliche a struttura associativa e di autogoverno, amministrati da organi eletti dai consorziati e concreta espressione di sussidiarietà nel rispetto del principio costituzionale.
Per garantire le risorse necessarie alle lavorazioni i Consorzi di Bonifica sono titolari di potere impositivo sugli immobili urbani ed agricoli, che traggono beneficio dall'attività dell’ente. La caratteristica principale dei Consorzi, incrementata con la recente riforma, infatti è il loro carattere operativo. Con il loro bagaglio di tecnici e operatori, i Consorzi sono fattivamente presenti ogni giorno nei loro comprensori, con un’attività costante e qualificata, riconosciuta da tutti gli attori istituzionali, sociali e ed economici che a vario titolo entrano in contatto con il mondo consortile.

I bacini interessati

I bacini interessanti la città di Firenze sono quelli dei torrenti Affrico, Terzolle, Mugnone, Mensola, Greve ed Ema, della Piana di Settimo, del borro di Rimaggio e del fosso di Gamberaia.
La manutenzione si espleta in ripetuti passaggi di sfalcio della vegetazione a mano o a macchina, fino a 4 volte l’anno sull’Arno solo nel periodo primavera-estate; rimozione arbusti, tronchi, ramaglie ed altri materiali di deposito; tagli selettivi per il mantenimento della vegetazione della fasce ripariali, ingrassaggio, controllo efficienza e sostituzioni delle parti deteriorate delle difese idrauliche (portelle, paratoie, etc.); verifica della tenuta degli argini, risagomature scarpate e sistemazione di muri di sponda.. Su Firenze si evidenziano i lavori necessari sul Fosso delle Serre, la sistemazione del Terzolle (dentro a Careggi e a valle di Piazza Dalmazia), la riqualificazione del Mugnone con nuovi percorsi nel tratto a valle del Ponte Rosso e la stabilizzazione della briglia a valle di via Caracciolo.

Come si calcola e come si paga il contributo

La base di calcolo è la rendita catastale per i fabbricati ed il reddito dominicale per i terreni che servono ad identificare, come vuole la normativa, il valore dell’immobile beneficiato dalla bonifica.
Il contributo da pagare è il prodotto della moltiplicazione della rendita o del reddito per diversi indici tecnici frutto degli studi affidati all’Università di Firenze e riportati dal Consorzio nel Piano di Classifica, adottato dall’Assemblea e poi definitivamente approvato dalla Regione Toscana.
Dalle prime stime di calcolo, un’abitazione in categoria catastale A2 di 900 euro di rendita catastale pagherà intorno ai 23 euro l’anno, un negozio di 3500 euro di rendita pagherà circa 32 euro e un grande albergo con 35 mila euro di rendita 370 euro circa. Più in generale si stima anche che il 47% dei consorziati fiorentini pagherà meno di 20 euro e l’88% meno di 50 euro.
In questa prima fase ai primi intestatari di ciascuna proprietà saranno recapitati semplici avvisi con ampio margine di scadenza e numerose possibilità di pagamento (poste, bonifico anche con home banking, online, tabaccaio, etc.).

Consorzio di Bonifica Medio Valdarno, via Giuseppe Verdi 16, 055 240269 contributi@cbmv.it  www.cbmv.it

Un convegno sulla qualità dell'aria nelle aree urbane

Il 20 aprile in Palazzo Vecchio la presentazione del piano comunale per la riduzione dell'inquinamento

Un convegno sulla qualità dell'aria nelle aree urbane



Giovedì 20 aprile, ore 9,30, si tiene a Palazzo Vecchio (Sala d’Arme) un importante convegno sull’inquinamento nelle aree urbane, nel corso del quale verrà presentato il Piano Comunale per la Qualità dell’Aria (PAC), con le azioni messe in atto per contenere le emissioni inquinanti.    
Nel  corso della mattinata, dopo i saluti istituzionali degli assessori all’Ambiente del Comune, della Città Metropolitana e della Regione Toscana, sono in programma i seguenti interventi.

La strategia comunitaria e nazionale sulla qualità dell’aria
Fabio Romeo, Coordinatore Settore inquinamento atmosferico

Il monitoraggio delle concentrazioni degli inquinanti in aria ambiente nell’Agglomerato di Firenze. Situazioni pregresse e trend.
Bianca Patrizia Andreini, Centro Regionale Tutela Qualità dell’Aria

Influenza della meteorologia sulla qualità dell’aria.
Francesca Calastrini, Istituto di Biometeorologia del CNR

Le principali cause dell’inquinamento nell’Agglomerato di Firenze e gli interventi previsti nel Piano Regionale per la Qualità dell’Aria (PRQA)
Furio Forni, Settore Servizi Pubblici Locali, Energia e Inquinamenti, Qualità dell’aria della Regione Toscana

Gli interventi del Piano di Azione Comunale (PAC) per la Qualità dell’Aria 2016 -2019
Marcello Cocchi, Direzione Ambiente Servizio Sostenibilità, Valutazione Ambientale, Geologia e Bonifiche

Conclusioni del Presidente della  6a Commissione Consiliare

Modera Andrea Vignolini, Giornalista

I Sentieri della Libertà

23 aprile, a piedi a Monte Morello per ricordare i caduti della Resistenza

I Sentieri della Libertà

 

Domenica  23 aprile, in occasione del 72° anniversario della Liberazione, l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia  (ANPI) e il Q.5, insieme a numerose associazioni del territorio e ai comuni limitrofi, tornano a proporre l’appuntamento con "I sentieri della libertà", un’iniziativa ideata per ripercorrere i luoghi che hanno fatto da scenario alla lotta partigiana, facendone occasione di riflessione collettiva e di giusto tributo a chi è caduto per la libertà.  
Alle ore 8,30, ritrovo in quattro diversi  punti di concentramento (Serpiolle, Paterno, Stazione di Montorsoli e Quinto Alto), per poi dirigersi alla Sella degli Scollini (ai piedi delle tre punte di Monte Morello), dove è posto il cippo commemorativo di una durissima  battaglia tra partigiani e fascisti, combattuta il 14 luglio 1944, nel corso della quale caddero: Biancalani Raffaello "Macchi", Braccesi Nello  "Biondo", Bugamelli Pietro "Gnagnero", Ferrantini Pietro "Stoppa", Fiorelli Egizio  "Baffo", Frigidi Corrado  "Corrado", Landi Alfredo "Medoro", Lumini Roberto "Tom", Mazzoni Silvano "Scorza", Monselvi Osvaldo "Baddo", Poli Aristodemo  "Prato", Sarti Emilio "Stracchino", Stefani Lando  "Agnellone".
L’arrivo è previsto attorno alle ore 13. Alle ore 13,30 saluto delle autorità, a seguire il gruppo ‘Le Musiquorum’ canterà le canzoni della Resistenza alla presenza del partigiano “Marco”, nome di battaglia di Leandro Agresti.

Per informazioni  SMS di Serpiolle 055.4255047, dalle 17 alle 24

Aperte le iscrizioni per i nidi d'infanzia e gli spazi gioco

Solo online fino al 20 aprile 2017

Aperte le iscrizioni per i nidi d'infanzia e gli spazi gioco

 

Le iscrizioni ai Servizi educativi 0-3 anni per l’anno educativo 2017-2018 saranno aperte solo online a partire dalle ore 10 del 30 marzo fino alle ore 24 del 20 aprile 2017 per tutti i bambini e le bambine dei gruppi:


•    PICCOLI nati dal 1.9.2016 al 31.5.2017 (dai 3 ai 12 mesi)
•    MEDI nati dal 1.1.2016 al 31.8.2016 (dai 12 ai 20 mesi)
•    GRANDI nati dal 1.1.2015 al 31.12.2015 (dai 20 ai 36 mesi)


Gli Spazi gioco educativi accolgono i bambini e le bambine dai 18 mesi a 3 anni di età, nati dal 1.1.2015 al 15.3.2016.

Dopo un periodo breve di sospensione, le iscrizioni riapriranno a partire dalle ore 10 del  19 maggio alle ore 24 del 5.6.2017 solo per le bambine e i bambini del gruppo Piccoli

Informazioni e approfondimenti:

Portale Educazione 

Scheda servizio iscrizioni nidi e spazi gioco

Bando Erp 2016, pubblicata la graduatoria definitiva

In lista 2198 nuclei familiari.

Bando Erp 2016, pubblicata la graduatoria definitiva

 

Da lunedì 10 aprile 2017 è on line la graduatoria definitiva per l’assegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica relativa al Bando ERP 2016. La graduatoria è formata da 2198 nuclei familiari ed è organizzata per ordine alfabetico e per posizione. È suddivisa anche per graduatorie speciali "Anziani". "Nuclei di nuova formazione", "Invalidi e handicap".      
Con l’approvazione della graduatoria definitiva del Bando ERP 2016, si conclude l’efficacia della graduatoria definitiva del Bando ERP 2012; le assegnazioni degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica a partire dal 10 aprile 2017 seguiranno l’ordine della nuova graduatoria.

I nuclei familiari inseriti nella graduatoria definitiva Bando ERP 2016 con la dizione “ammesso con riserva” dovranno sanare la domanda o produrre documenti quando saranno convocati dal Servizio Casa per la verifica dei requisiti per l’assegnazione di un alloggio di edilizia residenziale pubblica.   

Bando ERP 2016 - Graduatoria definitiva

A Pasqua si rinnova l'emozione dello 'Scoppio del Carro'

Il calendario degli eventi preparatori, l'itinerario del corteo storico, i provvedimenti di circolazione

A Pasqua si rinnova l'emozione dello 'Scoppio del Carro'

 

Torna il “Brindellone”; domenica 16 aprile, nel giorno di Pasqua, si rinnova il consueto appuntamento con il tradizionale “Scoppio del Carro”. Un’antica tradizione che si tramanda, in forme diverse, fino dai tempi della prima crociata, quando, Pazzino de’ Pazzi, di ritorno da Gerusalemme, portò con sé tre pietre provenienti dal “santo sepolcro”; quelle stesse pietre che per centinaia di anni hanno acceso il fuoco del carro. Da allora, anno dopo anno, la festa è diventata sempre più articolata e spettacolare, il carro si è ingrandito, il fuoco è stato sostituito dai fuochi artificiali, il corteo è diventato più bello e imponente. Ma l’evento inizierà già da sabato, con la benedizione delle tre pietre focaie, accompagnate dal Corteo Storico della Repubblica Fiorentina; domenica, oltre allo Scoppio del Carro, sempre accompagnato dal Corteo Storico e dai Banderai degli Uffizi, si terrà anche il sorteggio per le partite del torneo di Calcio Storico 2017

Domenica, la partenza del corteo con il Brindellone avverrà, come sempre, da Porta al Prato; seguirà l’esibizione dei Bandierai degli Uffizi in piazza della Repubblica e il sorteggio del torneo di San Giovanni del Calcio Storico fiorentino, che precede di qualche minuto lo spettacolo pirotecnico. L’intera manifestazione sarà trasmessa da Italia 7 sul canale 17 del digitale terrestre.

Questo il programma completo dello “Scoppio del carro del fuoco” di sabato 15 e domenica 16 aprile 2017.

Sabato 15 aprile

  • ore 20.25- Una rappresentanza del Corteo della Repubblica Fiorentina parte dal Palagio di Parte Guelfa, proseguendo per via Porta Rossa, Por S. Maria, via Vacchereccia, Piazza della Signoria.
  • ore 20.45- Piazza della Signoria, il Sindaco con il Gonfalone si unisce al Corteo della Repubblica, per raggiungere la Chiesa dei Santi Apostoli e Biagio attraverso via Vacchereccia, via Por S. Maria, Borgo SS. Apostoli, Piazza del Limbo.
  • ore 21 - Chiesa SS. Apostoli: il Corteo entra in Chiesa per la benedizione, poi con il Porta Fuoco ed il reliquario con le Pietre del Santo Sepolcro, prosegue per borgo SS. Apostoli, via Por Santa Maria, via Vacchereccia, Piazza della Signoria, Via Calzaiuoli, Piazza del Duomo
  • ore 21.30- Sagrato del Duomo: schieramento del Corteo ai lati del Portone Centrale dove si unisce la processione che dalla Sacrestia arriva sul Sagrato
  • ore 22 - Inizio della veglia e accensione del fuoco
  • ore 22.30- Il Corteo ed il Gonfalone rientrano per Via Calzaiuoli alla propria sede

 

Domenica di Pasqua, 16 aprile

  • ore 6.30- Arrivo Buoi alle Cascine, viale dell’Aeronautica
  • ore 7.15- Partenza Buoi dalle Cascine, viale dell’Aeronautica
  • ore 8 - Il “Carro del Fuoco”, accompagnato dal Corteo Storico della Repubblica Fiorentina, parte dal deposito di via il Prato per raggiungere piazza del Duomo con questo itinerario: da via il Prato, Borgo Ognissanti, piazza Goldoni, via della Vigna Nuova, via Strozzi, piazza della Repubblica, via Roma con arrivo in piazza San Giovanni.
  • ore 8.15- Una rappresentanza dei Bandierai degli Uffizi raggiunge Piazza della Repubblica percorrendo via Pellicceria, con esibizione di sbandieratori e musici e successivo ricongiungimento al Corteo proveniente da via il Prato.
  • ore 8.30- Una rappresentanza del Corteo Storico della Repubblica Fiorentina parte da piazzetta di Parte Guelfa, proseguendo per via Porta Rossa, Loggia del Mercato Nuovo, via Vacchereccia, piazza della Signoria dove alle ore 8.45 circa, con il Gonfalone, il Sindaco e le Autorità, si muove verso via Vacchereccia, via Por S. Maria, Borgo S. Apostoli, piazza S. Trinita, via Tornabuoni, via Strozzi, piazza della Repubblica, via Roma, piazza S. Giovanni con arrivo alle 9.40
  • ore 9.40- Arrivo in piazza S. Giovanni del Corteo Storico con il Carro del Fuoco
  • ore 10.15 circa- Sorteggio per l’abbinamento delle partite del Torneo di San Giovanni

Ore 11- Scoppio del Carro

Al termine della Messa alle ore 12.30 circa il Gonfalone, il Porta Fuoco con il reliquario con le Pietre del Santo Sepolcro, escono dal Portone centrale della Cattedrale, percorrendo via Calzaiuoli, piazza della Signoria, via Vacchereccia, Borgo S. Apostoli (Chiesa dei Santi Apostoli) con deposizione delle Pietre del Santo Sepolcro.
Rientro del Gonfalone in Palazzo Vecchio con percorso inverso.
Il Brindellone viene accompagnato in Via il Prato dalla Polizia Municipale con percorso inverso.
Il programma potrà subire delle variazione in merito agli orari del sabato, in base alle esigenze della Curia.

 

PROVVEDIMENTI DI CIRCOLAZIONE

Sabato 15 e domenica 16 aprile, per consentire lo svolgimento degli eventi è stata predisposta una serie di provvedimenti di circolazione.

Sabato sera

  • Dalle 20.20 divieti di transito sul percorso di andata piazzetta Parte Guelfa, via Pellicceria, via Porta Rossa, piazza del Mercato Nuovo, via Por Santa Maria, via Vacchereccia, piazza della Signoria (con breve sosta), via Vacchereccia, via Por Santa Maria, Borgo Santissimi Apostoli, piazza del Limbo (con breve sosta), Borgo Santissimi Apostoli, via Por Santa Maria, via Vacchereccia, piazza della Signoria, via Calzaiuoli, piazza Duomo.
  • Dalle 21.15 divieto di transito sull’itinerario di ritorno piazza Duomo, via Calzaiuoli, piazza Signoria, via Vacchereccia, via Por Santa Maria, piazza del Mercato Nuovo, via Porta Rossa, via Pellicceria, piazzetta di Parte Guelfa.


Domenica 16 aprile

  • Dalle 6 alle 13,30 divieto di transito veicolare assoluto in piazza Duomo, piazza San Giovanni e area limitrofa, cui si aggiunge piazza della Signoria e tutte le vie limitrofe, ovvero via dei Calzaiuoli, via de’ Cerretani, Borgo San Lorenzo, via Martelli, via Ricasoli, via dell’Oriuolo, via dello Studio e via de’ Pecori.
  • Dalle 7.15 per il passaggio del carro con i buoi (per il tempo strettamente necessario) sarà istituito un divieto di transito sul percorso viale dell’Aeronautica, vale degli Olmi (all’altezza di piazzale Jefferson immissione nel galoppatoio), piazza Vittorio Veneto, viale Fratelli Rosselli, piazzale di Porta a Prato, via Il Prato.
  • Dalle 8.15, partenza del “Carro del Fuoco” con divieti di transito al passaggio lungo l’itinerario tra via Il Prato e piazza del Duomo (Borgo Ognissanti, piazza Goldoni, via della Vigna Nuova, via Strozzi, piazza della Repubblica, via Roma, piazza San Giovanni, piazza del Duomo) sia nel tragitto di andata che in quello di ritorno.
  • Dalle 8.30 infine prenderà il via il “Corteo della Signoria”: anche in questo caso sono previsti divieti momentanei di transito al passaggio sul percorso piazzetta di Parte Guelfa, via Pellicceria, via Porta Rossa, piazza del Mercato Nuovo, via Por Santa Maria, via Vacchereccia, piazza della Signoria, via Vacchereccia, via Por Santa Maria, Borgo Santissimi Apostoli, piazza Santa Trinita, via Tornabuoni, via Strozzi, piazza della Repubblica, via Roma, piazza San Giovanni (sosta).
  • Dalle 12.30 è previsto il ritorno con stessi divieti su via Calzaiuoli, piazza della Signoria, via Vacchereccia, via Por Santa Maria, Borgo Santissimi Apostoli, piazzetta del Limbo.
  • Previsti anche divieti di sosta a tratti in piazzale Vittorio Veneto e Borgo Ognissanti (dalle 6), in Borgo Ognissanti (dalle 8 di sabato 15 alle 14 di domenica 16 aprile), in via Strozzi e piazzale di Porta a Prato(dalle 18 di sabato alle 14 di domenica ) e dalle 4 alle 14 di domenica lungo l’itinerario del “Carro del Fuoco” (tratti di via Il Prato-Borgo Ognissanti-via Roma-via Garibaldi).

G7 OFF. Mostre, eventi, iniziative fino al 27 aprile

In primo piano l’Arco di Palmira e la Chimera di Arezzo

G7 OFF. Mostre, eventi, iniziative fino al 27 aprile



Firenze ha ospitato, il 30 e il 31 marzo, un importante appuntamento internazionale: il G7 della cultura. La nostra città è stata infatti scelta come sede del confronto tra i responsabili delle politiche culturali dei sette paesi più sviluppati.
In occasione di questo storico incontro, il Comune di Firenze e MUS.E,  dal 27 di marzo al 27 aprile, propongono alla città un “G7Off” dedicato alla valorizzazione dell’arte, non solo sotto il profilo della tutela ma anche della creatività e dell’innovazione.

Il primo evento di particolare rilievo è rappresentato dalla monumentale riproduzione in piazza della Signoria dell’Arco di Palmira, la città siriana le cui vestigia romane sono state purtroppo in buona parte distrutte dalla follia iconoclasta dell’Isis.  L’installazione, inaugurata lunedì 27 marzo, resterà visibile fino al 27 aprile. Questa installazione simboleggia l’impegno solenne contro il terrorismo, la guerra e ogni forma di violenza cieca. A questi temi è dedicata la conferenza del 27 marzo (ore 17, Sala d’Arme) dal significativo titolo “Il recupero dell’arte: proteggere la cultura”.

Tra gli altri appuntamenti assume un rilievo particolare l’esposizione straordinaria in Palazzo Vecchio della Chimera di Arezzo; il grande bronzo etrusco troverà spazio in Sala di Leone X, dove la volle esibire Cosimo I de’ Medici dopo il suo ritrovamento alla metà del Cinquecento. A fianco della scultura verrà esposta una lettera inviata a Baccio Bandinelli negli anni Cinquanta del XVI secolo dal cav. Lorenzo de’Medici, documento di eccezionale significato (conservato alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze) dove si trova tratteggiata velocemente a inchiostro la sagoma della Chimera (priva della coda, come all’atto del suo rinvenimento).
Per tutto il mese d’aprile la città vedrà un’articolazione di iniziative, da mostre a convegni, da concerti a spettacoli teatrali con appuntamenti speciali alla Biblioteca Nazionale Centrale, a Palazzo Medici Riccardi, a Palazzo Strozzi, al Museo dell’Opera del Duomo e in numerose altre sedi.


Nella foto la Chimera di Arezzo

A Palazzo Strozzi Bill Viola, il maestro della videoarte

Dal 10 marzo al 23 luglio una nuova grande mostra di arte contemporanea

A Palazzo Strozzi Bill Viola, il maestro della videoarte



Dopo il grande successo di Ai Weiwei si ripropone a Palazzo Strozzi un nuovo grande evento di arte contemporanea. Dal 10 marzo al 23 luglio  la Fondazione Palazzo Strozzi presenta al pubblico Bill Viola. Rinascimento elettronico, una  mostra dedicata al maestro indiscusso della video arte.
In un percorso espositivo unitario tra Piano Nobile e Strozzina la mostra ripercorre, attraverso straordinarie esperienze di immersione tra spazio, immagine e suono, la carriera di questo straordinario artista, dalle prime sperimentazioni degli anni ‘70 fino alle grandi installazioni successive al Duemila.
Fondendo  spiritualità e percezione  sensoriale Viola ci presenta un’umanità che è chiamata a interagire con le forze della natura, acqua e fuoco, luce e buio, alimentando il ciclo della vita e quello della rinascita.
Nella cornice rinascimentale di Palazzo Strozzi si crea uno straordinario dialogo tra antico e contemporaneo attraverso un confronto diretto delle opere di Viola con i capolavori di grandi maestri del passato che sono stati per lui fonte di ispirazione.
L’evento sottolinea la speciale relazione tra Bill Viola e Firenze  perchè è proprio qui che l’artista ha iniziato la sua carriera nel campo della videoarte quando, tra il 1974 e il ’76, è stato direttore tecnico di art/tapes/22, centro di produzione e documentazione di video.
In occasione della mostra Palazzo Strozzi ha inoltre creato una speciale collaborazione con il Museo del Duomo di Firenze. Grazie a un biglietto congiunto sarà possibile visitare la mostra di Palazzo Strozzi insieme al Battistero di San Giovanni e al Museo dell’Opera del Duomo. Qui saranno eccezionalmente esposti i video Observance (2002) e Acceptance (2008), due celebri opere di Bill Viola dedicate ai temi del dolore e della sofferenza, che saranno messe a confronto con due simboli del museo fiorentino: la Maddalena penitente di Donatello e la Pietà Bandini di Michelangelo.

Un altro aspetto saliente della mostra sarà rappresentato dalla presenza del celebre Diluvio Universale di Paolo Uccello proveniente dal Chiostro Verde di Santa Maria Novella  e messo a confronto con l’opera The Deluge (2002) dell’artista statunitense. Con uno scambio vertiginoso a Santa Maria Novella viene esposta un’opera di Bill Viola, la videoinstallazione Tempest (2005), coinvolgente rappresentazione di un’umanità dolente colpita dalla furia delle acque. In nome di questo sodalizio per tutta la durata della mostra i possessori del biglietto d’ingresso del complesso monumentale avranno diritto a una riduzione sulla tariffa di accesso all'evento di Palazzo Strozzi (da 12 a 9,5 euro).


Orario mostra: tutti i giorni (inclusi i festivi), ore 10-20, giovedì, ore 10-23

INFO:  tel. 055.2645155  info@palazzostrozzi.org
Prenotazioni Sigma CSC, dal lunedì al venerdì, ore 9-13 /14-18
tel. 055.2469600  prenotazioni@palazzostrozzi.org

2 aprile, Domenica Metropolitana

Libero accesso ai Musei Civici per i residenti nei comuni della Città Metropolitana

2 aprile, Domenica Metropolitana



Domenica prossima, 2 aprile, quarto appuntamento 2017 con la ‘Domenica Metropolitana’, che consente ai fiorentini e a tutti i residenti nei comuni della Città Metropolitana di accedere gratuitamente ai musei civici.
In occasione della Domenica Metropolitana di aprile, adulti e bambini potranno partecipare a numerose attività nei Musei Civici Fiorentini, a cui si accede su prenotazione. Tra queste la proposta speciale "Chimera Relocated. Vincere il mostro" in occasione della mostra temporanea della Chimera di Arezzo in Palazzo Vecchio per il G7 della cultura.
Inoltre si segnala che nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio sarà visibile la nuova illuminazione della sala dalle 19.30.

Sono in programma visite (dalle 9.30 alle 12.30) anche presso il Museo del Bigallo, Piazza San Giovanni 1 (necessaria la prenotazione tel.055.288496) e presso il Museo della Misericordia, Piazza Duomo (ore 15.15 e 16.30, prenotazione obbligatoria, tel. 055.239393).
Si ricorda che tutte le visite guidate e le attività sono gratuite  ma che è necessaria  la prenotazione.
Non c’è  bisogno di  prenotazione per la semplice visita ai Musei Civici Fiorentini che presentano i seguenti orari di apertura.

Museo di Palazzo Vecchio, ore 9/23    
Torre di Arnolfo, ore 9/21  
Scavi archeologici di Palazzo Vecchio, ore 9/23 
Santa Maria Novella, ore 13/17,30
Museo Stefano Bardini, ore 11-17
Cappella Brancacci (S. Maria del Carmine), ore 13-17  
Fondazione Salvatore Romano, P.zza Santo Spirito, ore 13/17
Museo Novecento, P.zza Santa Maria Novella, ore 11-20
Museo del Ciclismo Gino Bartali, via Chiantigiana 175 (Ponte a Ema), ore 10/16.

Attenzione: le biglietterie chiudono un’ora prima dell’orario di chiusura.
Gli accessi ai Musei sono disponibili fino ad esaurimento posti per motivi di sicurezza.

Info e prenotazioni
Da lunedì a sabato 9.30-13 e 14.-17 (servizio non attivo la domenica mattina)  
Tel. 055.2768224, 055.2768558 mail: info@muse.comune.fi.it  web www.musefirenze.it

 

Immagine: Sala Elementi. Giorgio Vasari, Saturno mutila il Cielo (dal sito dei Musei Civici Fiorentini)

News totale: 326 - Pagina 1 di 22 - 15 risultati per pagina
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006

Website Security Test

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Vai al contenuto principale  Percorso di navigazione  Vai al menu di Comune di Firenze  Vai al menu di Area tematica  Piè di pagina

Scorciatoie - Funzionalità

Torna indietro,  Stampa pagina 

Scorciatoie - Pagine principale

Comune di Firenze  Eventi in Città  Servizi e modulistica - Servizi on-line  Mappa del sito